LIBERALAICO è il blog di e per giovani con tanta politica, attualità e gossip a portata di mano LIBERALAICO: Convegno FI Giovani Santeramo: "La storia del Borgo antico"

lunedì 15 giugno 2009

Convegno FI Giovani Santeramo: "La storia del Borgo antico"

Il movimento politico Forza Giovani di Santeramo in Colle ha organizzato per il giorno 16 maggio un convegno sulla “Storia del borgo antico” presso l’ex biblioteca comunale. Il movimento giovanile Forza Giovani, dopo il costante impegno tenuto nella denuncia del degrado ambientale determinatosi negli ultimi anni nella nostra cittadina, con video denunce, manifestazioni in piazza e comunicati stampa, ha deciso di dedicarsi anche alla tutela del patrimonio artistico e culturale di Santeramo in Colle. L’iniziativa è stata ben organizzata dal movimento giovanile per sensibilizzare l’opinione pubblica e per porre all’attenzione dei giovani e meno giovani la storia, i personaggi e i palazzi della nostra cittadina. Il convegno è stato introdotto da Pasquale Valentino, candidato consigliere comunale Forza Italia Giovani, che dopo aver presentato e ringraziato i partecipanti e i relatori ha spiegato le motivazioni di questa iniziativa partendo dallo stato attuale di ignoranza culturale che vige nella nostra comunità. “La Storia del borgo antico, la cultura al centro delle nostre radici” è il tema del convegno, ideato per far si che negli animi dei santeramani e non solo, torni la voglia di riqualificare un borgo ormai in stato d’abbandono e che merita, per l’importanza storica, più considerazione da parte di tutti e in primis dai nostri cari amministratori che più di tutti ne sottovalutano l’importanza strategica sia sotto l’aspetto culturale che economico. Quindi ricordare per crescere, per migliorare e per produrre e dare quindi sostanza alla nostra identità, permettendo cosi un’apertura maggiore verso altre culture e tradizioni. E’ doveroso far riscoprire in tutti i santermani l’amore per il proprio paese, ormai rinchiuso in un abisso d’indifferenza. Indifferenza che non ha tirato fuori in tutti questi anni alcuno stimolo e voglia di apportare una progettazione seria, che rivaluti finalmente il nostro centro storico. Bisogna partire per fare tutto ciò dalle scuole per formare la nostra identità e la nostra cultura.
Dopo l’introduzione di Pasquale Valentino è toccato a Giovanni Tangorra, presidente dell’Associazione Santeramo Antica- Fondazione Vito Tangorra, illustrare e analizzare lo stato attuale del borgo antico, spiegando nel dettaglio le principali caratteristiche dei principali palazzi. Il tutto documentato con foto e didascalie realizzate dal movimento Forza Giovani. Dopo l’intervento di Giovanni Tangorra ha preso la parola il giornalista dell’emittente TRC Franco Porfido che ha analizzato la storia del nostro paese portando all’attenzione dei presenti le tradizioni e la cultura di un tempo soffermandosi sui personaggi più popolari del nostro passato. Storie e tradizioni ben documentate dal giornalista di TRC che ha riportato all’attenzione di tutti ricordi e racconti ormai sepolti nel tugurio della nostra memoria. L’avvocato Vito Lillo, candidato sindaco di centrodestra, ha invece esaminato le proposte contenute nel programma elettorale della coalizione Viva Santeramo. Si è soffermato essenzialmente sulla cultura della santermanità per far risvegliare anche culturalmente la nostra cittadina dopo 5 anni di obbrobrio e oziosità. Il Presidente della Comunità Montana di Gioia del Colle e capogruppo al consiglio comunale di Forza Italia dott. Vito Giampetruzzi ha concluso il convegno ringraziando e complimentandosi con i giovani di Forza Giovani per l’iniziativa svolta e per l’impegno e il supporto costante tenuto in altre iniziative.
Domenico Giampetruzzi Coord. Forza Giovani Santeramo in Colle
Articolo pubblicato sul foglio informativo "Azzurra" di Gioia del Colle nel marzo 2007

Nessun commento:

Ricerca personalizzata

Altri articoli che potrebbero interessarti...

ATTENZIONE: è vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti testuali senza una preventiva autorizzazione scritta. Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.