LIBERALAICO è il blog di e per giovani con tanta politica, attualità e gossip a portata di mano LIBERALAICO: Caso Marrazzo, ricostruzione del gip sull'incontro fatale con il viado Natalie

lunedì 26 ottobre 2009

Caso Marrazzo, ricostruzione del gip sull'incontro fatale con il viado Natalie

La Redazione
Il gip Sante Spinaci ha ricostruito il 'Caso Marrazzo' nell'ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti degli indagati, rispetto a quanto avvenuto ai primi di luglio in un piccolo appartamento di via Gradoli, a Roma, tra Piero Marrazzo, la transessuale brasiliana Natalie e alcuni carabinieri malavitosi. Una piccola cronistoria riguardante Piero Marrazzo, sposato con tre figlie (Giulia maggiorenne, Diletta e Chiara minorenni) e Governatore della Regione Lazio che ha perso quasi tutto per quel giorno di trasgressione...
«Il Marrazzo, esaminato dal pm il 21 ottobre 2009, ha precisato che tra l'1 e il 4 luglio 2009 si recava in un appartamento per avere un incontro sessuale a pagamento con una certa Natalie (riporta il gip) Qui, dopo essersi parzialmente spogliato, deponeva tremila euro - parte della somma concordata, pari a 5000 mila euro - su un tavolinetto, conservando la rimanente parte e i suoi documenti all'interno del portafogli. Mentre si accingevano a consumare il rapporto sessuale concordato, si presentavano alla porta d'ingresso due uomini qualificandosi come carabinieri (identificati poi come Simeoni e Tagliente) ed entrando nell'appartamento assumevano un atteggiamento estremamente arrogante, tanto da incutere soggezione e paura, si facevano consegnare da Marrazzo - che avevano riconosciuto come presidente della Regione - il portafogli con i documenti tenendo in un locale separato Natalie e si recavano in un’altra stanza». L'ORDINANZA - «Al loro ritorno uno dei due gli chiedeva di consegnare loro molti soldi e di andarli a prendere, facendogli capire che altrimenti vi sarebbero state rappresaglie o comunque conseguenze negative, accettando poi che Marrazzo consegnasse loro tre assegni dell’importo uno di diecimila euro e due di cinquemila euro ciascuno. I due prima di andare via lasciavano un numero di cellulare al quale Marrazzo doveva chiamarli per la consegna di altro denaro, facendosi dare da Marrazzo un numero telefonico per ricontattarlo. Esaminando il portafogli Marrazzo si accorgeva che dallo stesso mancava la somma di duemila euro e che non era presente quella di tremila euro appoggiata sul tavolino, circostanza della quale Natalie si mostrava contrariata».
«Qualche giorno dopo al numero telefonico della Regione che Marrazzo aveva lasciato ai due giungeva una telefonata ricevuta dalla segretaria che gli riferiva che l'interlocutore che voleva parlargli si era qualificato come carabiniere. Marrazzo aveva dato incarico al suo segretario di presentare per suo conto una denuncia di smarrimento degli assegni e da allora non era più stato contattato. Il Marrazzo visionava il video specificando di aver notato la polvere bianca non nel momento in cui era entrato nell'appartamento, ma solo durante la permanenza dei due carabinieri nello stesso, ricollegando la presenza della polvere all'attività degli stessi carabinieri che avevano ripreso il suo documento accanto alla polvere che non c’era più quando era uscito dall’appartamento e al fatto che i due avevano altresì ripreso l’autovettura con la quale era giunto sul posto; infine riconosceva sia pure non con assoluta certezza nella foto del Simeone e del Tagliente i due uomini in questione».

Nessun commento:

Ricerca personalizzata

Altri articoli che potrebbero interessarti...

ATTENZIONE: è vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti testuali senza una preventiva autorizzazione scritta. Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.