LIBERALAICO è il blog di e per giovani con tanta politica, attualità e gossip a portata di mano LIBERALAICO: Annozero, Marco Travaglio sfida Niccolò Ghedini

sabato 6 febbraio 2010

Annozero, Marco Travaglio sfida Niccolò Ghedini

La Redazione
La puntata del 4 febbraio scorso ha ragalato ai telespettatori del programma di approfondimento politico di Raidue, Annozero, un'altra serata di discussione e riflessione politica. Tanti gli argomenti e temi affrontati studio: dal legittimo impedimento alla cena dell'ex pm di Mani Pulite Antonio Di Pietro con Bruno Contrada, poliziotto condannato per concorso esterno in associazione di stampo mafioso. Proprio partendo da alcune riflessioni su questo argomento che sono iniziati ad attaccarsi il giornalista e scrittore Marco Travaglio e il legale del premier, nonchè parlamentare del Pdl, Niccolò Ghedini.
Da un discorso generale si è poi passato a quello personale con l'avvocato Ghedini che ha accusato Travaglio di essere stato condannato in sede civile per diffamazione. Marco Travaglio ha replicato tirando fuori il proprio casellario giudiziario e rinfacciando a Ghedini tutte le cause perse nei suoi confronti invitandolo a non fare più brutte figure. A quel punto Ghedini dichiara: "Il casellario giudiziario non conta nulla per una sentenza passata in giudicato!". Marco Travaglio ribatte: "Ah non conta nulla, e se no sarei presidente del Consiglio se fosse sporco!". Piovono applausi scroscianti dalle tribune del pubblico... La puntata prende una certa piega e il conduttore tv Michele Santoro cerca invano di portare serenità e tranquillità in studio invitando alla calma i due sfidanti. Subito dopo Michele Santoro chiude le polemiche e il match chiamando la pubblicità...Ecco il video.....

Nessun commento:

Ricerca personalizzata

Altri articoli che potrebbero interessarti...

ATTENZIONE: è vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti testuali senza una preventiva autorizzazione scritta. Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.