LIBERALAICO è il blog di e per giovani con tanta politica, attualità e gossip a portata di mano LIBERALAICO: Mauro Marin vincitore incontrastato del Grande Fratello 10

lunedì 8 marzo 2010

Mauro Marin vincitore incontrastato del Grande Fratello 10

di Domenico Giampetruzzi
Alessia Marcuzzi ha letto il verdetto finale a mezzanotte e un quarto: Mauro Marin vincitore della decima edizione del Grande Fratello. Al secondo posto si è classificato Giorgio Ronchini. Al terzo posto un pò a sorpresa Cristina Pignataro e quarto Alberto Baiocco. Ospite d'eccezione della finale il pirotecnico e divertentissimo Paolo Bonolis.
Ecco ciò che avevamo scritto sul verdetto finale del Grande Fratello alle ore 19 di lunedì. L'unica sorpresa è stata Cristina Pignataro al terzo posto che ha scavalcato di fatto Alberto Baiocco. Mancano poche ore all'inizio dell'ultima puntata del Grande Fratello 10. C'è grande fermento e grande attesa. L'edizione più lunga nella storia del Grande Fratello verrà vinta dal salumiere veneto Mauro Marin. Una vittoria scontata e prevedibile da più di due mesi a questa parte. Il giovane salumiere all'interno della casa si è fatto prendere in antipatia da quasi tutti i coinquilini di Cinecittà ma fuori si è creata una rete di sostegno e supporto fuori dal comune. Non era mai successo prima che un concorrente di un reality show contasse a suo favore 500 gruppi su Facebook con oltre 370mila iscritti. Un risultato straripante e anche incredibile per un ragazzo che dall'inizio alla fine del programma è stato molto schietto, furbo, astuto e genuino. Mauro Marin ha giocato la carta della semplicità e la sua idea di combattere contro tutti l'ha fatto passare come vittima attirandosi la simpatia del pubblico da casa.
Mauro Marin ha giocato alla grande e la sua strategia ha funzionato benissimo. Ha superato ogni nomination con grande facilità e il suo modo di fare un pò alla carlona e alcune volte prendendo in giro i propri compagni (uno su tutti George Leonard) l'hanno reso una vera e propria star del piccolo schermo. Ovviamente quando uscirà stasera dalla casa del Grande Fratello si renderà conto dei suoi fans che quest'anno per lui hanno fatto di tutto, in alcuni casi hanno esagerato di brutto ricorrendo a minacce e altre oscenità. Mauro Marin, che si assomiglia tantissimo a Gerry Calà, è stato un abile calcolatore fin dall'inizio e ha fatto fuori tutti i personaggi forti di questa decima edizione del Grande Fratello: da Gabriele Belli a Veronica Ciardi, da Maicol Berti a Carmela Gualtieri. E' molto probabile che Mauro Marin vinca il Grande Fratello 10 con una percentuale superiore anche al 55%. Il montepremi di 250mila euro gli servirà per il mutuo anche se noi a lui avremmo preferito che vincesse Giorgio Ronchini.
Il bel veneziano probabilmente giungerà al secondo posto visto e considerato che fino ad alcune settimane fa si trovava al terzo posto e in quest'ultimo periodo si è fatto molto amare dal pubblico del Grande Fratello che lo indica come la "persona più umana e sensibile" di questa edizione. Il suo amico, Alberto Baiocco, giungerà quasi sicuramente al terzo posto anche perchè nell'ultimo periodo ha fatto delle nomination davvero incredibili e assurde. Al quarto posto la maestra Cristina Pignataro. Siete d'accordo con questo nostro pronostico?

1 commento:

Anonimo ha detto...

Secondo alcuni rumors di fine 2009, Mauro avrebbe fatto parte del gruppo musicale di estrema destra ZetaZeroAlf come batterista, coltivando la passione per la musica. Che Mauro ragioni in modo molto rigido su certe cose si vede subito, basti pensare a come trattava Sara quando stava con Veronica e a quello che ha detto a Maicol sul taglio del pisello. Per non parlare delle angherie che ha fatto agli altri concorrenti. Tutto gli è stato perdonato, sempre.
Secondo me, la vittoria è stata pilotata per portare voti al centrodestra in Veneto

Ricerca personalizzata

Altri articoli che potrebbero interessarti...

ATTENZIONE: è vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti testuali senza una preventiva autorizzazione scritta. Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.