LIBERALAICO è il blog di e per giovani con tanta politica, attualità e gossip a portata di mano LIBERALAICO: Inter, Mario Balotelli: "Diventerò il migliore giocatore al mondo"

mercoledì 21 aprile 2010

Inter, Mario Balotelli: "Diventerò il migliore giocatore al mondo"

di Domenico Giampetruzzi
Ieri sera l'Inter ha umiliato il Barcellona nella semifinale di andata di Champion's League. Una partita fantastica ben preparata dallo Special One del calcio italiano: Josè Mourinho. Il risultato finale, 3-1 per l'Inter, ha rispecchiato l'andamento della partita. Una vittoria che resterà nella storia del calcio. Il Barcellona cercherà al ritorno di capovolgere il risultato come ha confidato a fine partita l'ex attaccante nerazzurro Ibrahimovic che ha dichiarato che la sua squadra, campione d'Europa e del mondo, farà 4 0 5 goal all'Inter fra una settimana. Ma la brillante partita della squadra nerazzurra è stata macchiata dal cattivo e pessimo gesto di Mario Balotelli che in rotta con il pubblico interista e con l'ambiente ha gettato la maglia e ha mandato a quel paese i propri tifosi che lo punzecchiavano per il suo scarso rendimento in campo.
Fortunatamente Josè Mourinho l'ha fatto entrare in campo solo alla fine del secondo tempo altrimenti ci sarebbero stati dolori per l'Inter. In quei pochi minuti Mario Balotelli bivaccava e passeggiava in campo mentre gli altri giocatori, come Eto'o o Zanetti, davano l'anima per 90°. Il suo comportamento vergognoso e schifoso dovrà essere valutato dalla società di Massimo Moratti anche se il giocatore merita seri provvedimenti. I tifosi interisti non lo vogliono più vedere in campo anche perchè non merita di indossare la maglia nerazzurra! I supporter dell'Inter si augurano che a fine anno vada all'estero.
Mario Balotelli, dopo l'enorme cazzata commessa in campo ieri al Meazza, ha partecipato alla presentazione del libro di Stefano Borgonovo "Attaccante nato". Il centravanti interista ha spiegato di essere sempre sereno e solare. "Io - ha dichiarato Mario Balotelli - sono sempre sereno. E sono pronto a diventare il miglior giocatore al mondo, lo sono sempre stato. E' da quando sono bambino che ho questo sogno e sono il primo che non vuole rovinarlo". Ma con questi presupposti non ci sono speranze per lui... Bye Bye Balotelli!

2 commenti:

Quintogabbiano ha detto...

Lippi si crede di essere il non plus ultra del calcio Italiano solo perchè ha trovato una Dirigenza Juventina ignorante, che gli ha permesso di fare il bello e cattivo tempo, rovinando contemporaneamente la stagione della Juventus , i suoi obiettivi e le casse del Club Medesimo. Non per questo gli è consentito però di fare il Professore di tutto anche di inveire con le Sue regole nei favoritismi e antipatie sui nuovi fenomeni del Calcio Italiano. Eppure da intenditore quale crede di essere gli dovrebbe essere facile individuarli, ma che probabilmente non fanno il gioco del lecchinaggio come " Cannavaro " e C.ny.
Si dovrebbe vergognare per l'insolenza che dimostra ogni qualvolta esterna le Sue frasi più che piccanti anche e soprattutto nelle interviste.
Forse anche Lui addiziona con certi orpelli la maternità dei calciatori che gli sono antipatici con le stesse frasi di Mourinho . Probabilmente.. il metro della maturità d'una persona la misura con le giuste reazioni a queste frasi volgari e provocatorie a cui ognuno reagirebbe, soprattutto quando ti toccano la mamma !

mede ha detto...

Mario Balotelli diventerà di certo uno dei giocatori più forti al mondo.. ma spero non con la maglianerazzurra..visto che la odia tanto... credo che la cosa migliore per lui sia cambiare aria .. visto che ha dimostrato apertamente di non amare l'Inter.. che vada pure nel suo milan..visto come sono ridotti i super campioni avrà molto poco da festeggiare si accontenterà di vedere la Milano nerazzurra festeggiare e DIMENTICARLO

Ricerca personalizzata

Altri articoli che potrebbero interessarti...

ATTENZIONE: è vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti testuali senza una preventiva autorizzazione scritta. Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.