LIBERALAICO è il blog di e per giovani con tanta politica, attualità e gossip a portata di mano LIBERALAICO: Marco Carta: "Che male ci sarebbe se fossi gay?"

giovedì 16 luglio 2009

Marco Carta: "Che male ci sarebbe se fossi gay?"

di Domenico Giampetruzzi Il vincitore dell'ultimo Festival di Sanremo con la canzone "La forza mia" , il 24enne Marco Carta, si racconta alla rivista "Topgirl". Il cantante cagliaritano esce allo scoperto per smentire le voci che circolano sempre più insistenti sulla sua omosessualità. Il vincitore dell'edizione 2008 di "Amici di Maria De Filippi" era già entrato nell'occhio del ciclone per una sua probabile love story con un altro concorrente del talent show di Canale5. Storia subito smentita.
Sta di fatto che l'autore del tormentone estivo "Dentro ad ogni brivido" non si scompone più di tanto per le numerose voci ma di certo non ha ben gradito la pubblicazione su uno dei più importanti portali gay d'Italia, il sito "Gay.tv" delle sue foto che lo ritraevano nudo. C'è per altro da dire che il portale ha subito fatto dietro front eliminandole dal sito come richiesto da Carta. Ma ormai era troppo tardi e le sue foto hanno fatto il giro del web.
E' considerato da molti critici uno dei più talentuosi ragazzi della scuola di Maria De Filippi. Nell'intervista Carta ha ammesso di aver solo la licenza media. A breve si comprerà un superattico ai Parioli dopo aver vissuto con il suo cane 'Atena' in un piccolo appartamento di periferia. Per quanto riguarda il suo orientamento sessuale dichiara: "Non sono gay. Ma il punto è: anche se fosse? Dovrei giustificarmi? Perché? Che male ci sarebbe? Viviamo in un paese libero e ognuno può pensare di me ciò che vuole. E poi: se uno fa delle foto così, deve essere per forza gay? S'è trattato di un brutto scherzo di qualcuno che non mi vuole bene. La gente è molto cattiva".
Ricerca personalizzata

Altri articoli che potrebbero interessarti...

ATTENZIONE: è vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti testuali senza una preventiva autorizzazione scritta. Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.